ResiliArt

L’iniziativa UNESCO rivolta a tutti gli artisti – noti ed emergenti - e agli operatori culturali per combattere la crisi

ResiliArt è un movimento globale a supporto di artisti e operatori culturali che vogliono condividere la propria creatività per contrastare la crisi dovuta al dilagare della pandemia.

COVID-19 ha colpito duramente le industrie culturali e creative. Dietro ogni concerto cancellato, festival posticipato, lancio ritardato dell'album e dietro ai cinema, alle librerie, ai teatri chiusi ci sono innumerevoli artisti e professionisti che hanno perso il loro reddito. Tuttavia, chi lavora nel mondo della cultura si trova quasi naturalmente, inevitabilmente a pensare soluzioni creative. Nuove iniziative per bypassare l’“assenza fisica” nascono ogni giorno: concerti virtuali, musei online, festival basati sulla rete: la creatività continua a manifestarsi sugli schermi di tutto il mondo. L'arte è resistente.

L'UNESCO invita tutti gli artisti e i creativi a unirsi al movimento ResiliArt, per mettere in evidenza il loro ruolo essenziale nella società, per celebrarne i talenti preziosi per tutti per superare giorni così difficili. Il fine ultimo è quello di sviluppare strumenti volti ad aiutare gli artisti a superare questa crisi epocale, mostrando al mondo che la creatività è inarrestabile.

Partecipare al movimento ResiliArt è semplice. Una serie di dibattiti online con professionisti e artisti - sia affermati che emergenti - volti a sensibilizzare sull'impatto di vasta portata delle attuali misure di confinamento, nonché sull'importanza delle industrie culturali e creative per lo sviluppo economico e la coesione sociale. L'UNESCO, in collaborazione con CISAC, ha dato il via ai dibattiti che dovrebbero poi replicati in tutto il mondo, concentrandosi man mano su tematiche e questioni diverse.

Concretamente, per unirti al movimento ResiliArt
1. Pubblica una foto o un video di te che continui a essere creativo nonostante la crisi sanitaria
2. Scrivi registra un messaggio di ResiliArt per aiutare a rafforzare la comunità degli artisti.
3. Contrassegna il post con #ShareCulture e @unesco
4. Nomina un collega artista che è ResiliArt
5. Pubblica sul tuo account di social media il (o dopo) il 15 aprile 2020.

Il tuo messaggio può rispondere (anche, ma non solo) a una delle seguenti domande: Qual è il tuo modo di bypassare lo stallo dovuto alle misure di distanziamento sociale per rimanere attivi/creativi, o mantenere l'arte accessibile? Qual è il maggiore ostacolo che questa crisi sanitaria ha posto per te come ideatore/creatore di prodotti/contenuti culturali? Quali misure potrebbero essere sviluppate per sostenere gli artisti durante questo periodo?

Lo scopo è quello di inondare gli schermi con messaggi di resilienza creativa e offrire la massima visibilità alle sfide che gli artisti e gli operatori culturali stanno affrontando - e superando - in questo momento di crisi.

La data di lancio del movimento – col primo dibattito che ha visto protagonisti Angélique Kidjo, cantautrice, Vice-Presidente CISAC e Ambasciatore Internazionale UNICEF , Deeyah Khan, musicista e documentarista, Ambasciatore UNESCO, Jean-Michel Jarre compositore e performer, Presidente CISAC e Ambasciatore UNESCO, Luis Puenzo, regista, sceneggiatore e produttore, Presidente di INCA, Nina Obuljen-Koržinek Ministro della culura della Croazia, violinista, Yasmina Khadra, scrittore - è stata il 15 aprile 2020, la Giornata mondiale dell'arte.

Il contatto per qualsiasi approfondimento o domanda sul progetto e sui suoi prossimi sviluppi è resiliart@unesco.org

In calce i documenti ufficiali di approfondimento sull’iniziativa, in inglese e francese.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page