Bibliopolis, luogo di comunità

Al via un percorso partecipativo rivolto alle associazioni e alle comunità dei quartieri per esplorare nuove modalità di partecipazione attiva alla vita delle biblioteche.

Da questa primavera, le Biblioteche propongono un percorso partecipativo rivolto alle associazioni “amici delle biblioteche” e alle realtà attive della comunità cittadina e sostengono l’organizzazione di alcune attività culturali in zone periferiche e fragili della città, luoghi da riqualificare o già in via di riqualificazione.

L’obiettivo delle attività che verranno intraprese è quello di riflettere sul ruolo delle biblioteche e di promuovere pratiche di inclusione delle comunità per renderle sempre più partecipi della costruzione di nuovi contenuti culturali.

Nell’ambito del progetto saranno valorizzate le risorse e le competenze della comunità locale, delle associazioni e dei gruppi formali e informali per costruire una rete diffusa e inclusiva che diventi sempre più soggetto attivo di processi di innovazione e sviluppo delle biblioteche, delle loro attività e dei loro servizi.

Il percorso partecipativo vedrà la presenza di esperti di cultura, reti bibliotecarie, reti collaborative culturali e momenti di confronto tra i soggetti partecipanti.

Rovezzano, Novoli, Isolotto e Gavinana, oggetto degli interventi culturali, saranno investiti da un nuovo senso di comunità e di vivibilità attraverso la pratica artistica, all’insegna di una rigenerazione urbana e sociale e di una nuova normalità da costruire insieme ad abitanti, utenti ed artisti.

In particolare saranno realizzati un punto scambio libri a Rovezzano, alcuni laboratori di narrazione a Gavinana, Novoli e Isolotto e laboratori teatrali all’Isolotto. Le attività sono curate dal gruppo informale Piantalibro, l’Associazione Taralluzzi l’Associazione Pandora, l’Associazione Lib(e)ramente-Pollicino e Versilia Danza.

Il progetto “Bibliopolis, luogo di comunità” è realizzato grazie al cofinanziamento dell’Autorità Regionale per la Partecipazione ai sensi della legge regionale n.46/2013 e al contributo di Fondazione CR Firenze nell’ambito di “Partecipazione culturale”, il Bando tematico che la Fondazione dedica al sostegno di programmazioni culturali finalizzate a potenziare la partecipazione attiva della comunità locale e l’inclusione sociale delle periferie.

Il progetto è coordinato dal Servizio Biblioteche in collaborazione con Sociolab.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page