A tu per tu con Stefano Bardini

Il 21 e 22 maggio visite guidate speciali in compagnia del principe degli antiquari, per conoscere l'omonimo museo e le sue meraviglie

Proseguono le iniziative speciali organizzate dal Comune di Firenze e da MUS.E in occasione del centenario della morte del principe degli antiquari, Stefano Bardini, anche grazie al supporto di Aquila Energie. Il fine settimana del 21 e del 22 maggio vede in programma alcuni appuntamenti particolari. Nel pomeriggio di sabato 21, alle 14, è infatti prevista una visita dedicata a una sala particolarmente affascinante del Museo Bardini, che raccoglie i numerosi rilievi di Madonne con Bambino collezionati dall'antiquario, afferenti alle più rinomate botteghe rinascimentali fra cui spicca l'originalissima Madonna dei Cordai di Donatello.

Si prosegue poi domenica 22 maggio, quando i visitatori avranno addirittura la possibilità di incontrare Stefano Bardini, grazie a un'attenta operazione di living history sviluppata in collaborazione con Francesco Gori, sarà questa l'occasione per ascoltare, dalla viva voce dell'antiquario, ragioni, vicende e curiosità inerenti il suo straordinario patrimonio artistico.

Proseguono inoltre le Passeggiate Bardini, fruibili ogni sabato alle 10 e alle 11 e organizzate da Comune di Firenze, Galleria e Museo Mozzi Bardini - Direzione regionale musei della Toscana e Fondazione CR Firenze e con la collaborazione di MUS.E, che consentono di conoscere le meraviglie dei luoghi posseduti e abitati dall’antiquario: il Giardino Bardini, Palazzo Mozzi Bardini e il Museo Bardini.

Qui di seguito la visita guidata e l’attività di living history nel dettaglio:

Le meraviglie del Museo Bardini: Madonne rinascimentali

Il Museo Stefano Bardini custodisce una collezione ricca e multiforme. In questa affascinante vetrina sul passato, un’intera sala è dedicata alla Donna delle donne, Maria, rappresentata in numerosi rilievi quattrocenteschi che, appesi alle pareti delle case dei privati cittadini, testimoniavano una devozione intima e domestica. Nei molti esemplari esposti – alcuni di mano dei grandi artisti del XV secolo, su tutti Donatello e Jacopo della Quercia – è possibile ritrovare le varie declinazioni del rapporto tra la Madonna e il Bambino, in un dolcissimo scambio di sguardi e di gesti che è universale perché corrispondente a quello di ogni donna con il proprio figlio.
Quando: Sabato 21 maggio alle ore 14.00
Per chi: per giovani e adulti
Dove: Museo Stefano Bardini, via dei Renai 3
Durata: 1h15'

Incontro con la storia: a tu per tu con il Principe degli antiquari

Portando indietro le lancette dell’orologio, i visitatori saranno invitati a ritornare ai primi anni del Regno d’Italia, nella Firenze incantata in cui nasceva il mito del Rinascimento, ad opera della più straordinaria generazione di antiquari che questa città abbia mai conosciuto e di cui Stefano Bardini era l’arbitro indiscusso. Grande intenditore d’arte e capace affarista, Bardini era rispettato e temuto allo stesso tempo; i partecipanti avranno il privilegio di essere fra i pochi eletti a cui egli apriva le porte del suo esclusivo negozio, riservato ai clienti più facoltosi - oggi museo civico - e di potersi intrattenere con l’antiquario in persona!
Quando: Domenica 22 maggio ore 14.00 e 15.30
Per chi: per giovani e adulti
Dove: Museo Stefano Bardini, via dei Renai 3
Durata: 1h15'

Si consiglia la prenotazione.

Costi: €2,50 (residenti Città Metropolitana di Firenze) e €5,00 (non residenti Città Metropolitana di Firenze) oltre al biglietto di ingresso del museo. Gratuito per possessori Card del Fiorentino (nel limite delle tre attività annue), minori di 18 anni, membri ICOM, ICOMOS, ICCROM, guide turistiche e interpreti, disabili e accompagnatori. Riduzione 2x1 soci Unicoop Firenze.

Per informazioni e prenotazioni:  info@musefirenze.it 055-2768224

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato
Scroll to top of the page