Otto tablet per l'educazione linguistica

In arrivo a BiblioteCaNova Isolotto 8 tablet per un intervento di educazione linguistica rivolto a persone analfabete nella lingua di origine oppure a bassissima scolarizzazione

Bibliomondo è il progetto che favorisce l’interscambio fra idee e persone di diversa nazionalità, genere, età e religione in biblioteca e si propone come esempio di cittadinanza consapevole dove l’istituzione pubblica è riconosciuta come luogo di accoglienza e sviluppo. Nell'ambito del progetto, BiblioteCaNova Isolotto, grazie al contributo l’Associazione Lib(e)ramente Pollicino, organizza corsi di lingua italiana divisi per livelli in base alla padronanza della lingua dei partecipanti.

L’intervento in programma con i nuovi tablet, ne prevede l'uso a lezione, come parte integrante e costitutiva del percorso curricolare. Il foglio bianco e la penna sono oggetti materiali, il tablet li dematerializza abbassando la soglia di frustrazione degli allievi.  Il tablet diventa così lo strumento sul quale costruire passo dopo passo il percorso di apprendimento partendo dalla formazione delle lettere, passando alla composizione delle parole e poi alla costruzione di una frase.

I timori diffusi nei confronti del facilitatore, degli studenti vicini, della nuova lingua si mitigano dando spazio a un interesse più vivo, a un desiderio di partecipazione e di condivisione diffusa. Dopo il consolidamento della fase di letto-scrittura, gli allievi possono lavorare liberamente alla realizzazione di interviste, fumetti, storie, disegni: a esercitare, cioè, la creatività finalizzata al consolidamento della lingua.

L’intervento è stato ispirato dal progetto Tabula, che è un progetto FEI 2012, ideato e strutturato dal prof. Rocco de Paolis, tuttora attivo presso i CPIA di Torino.

La dotazione fornita dalla Direzione Cultura si somma all’acquisto dei 20 nuovi tablet per l’Associazione Lib(e)ramente Pollicino, indispensabili al lavoro di integrazione e formazione dei cittadini stranieri. La fornitura dei 20 dispositivi è stata resa possibile grazie all’interessamento del Quartiere 4 e a un contributo di 6000 Euro della Fondazione CR Firenze che consente ai volontari di Lib(e)ramente Pollicino di proseguire i corsi di lingua italiana gratuiti per cittadini stranieri.

Hai trovato interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere sempre aggiornato

Notizie correlate

Scroll to top of the page